Tromso si accende di verde con l'aurora boreale

Tromso si accende di verde con l'aurora boreale

Testo di Gioia Stella Mesano TROMSØ - Flash accecanti un verde psichedelico, tre scrisce in mezzo al cielo, una cortina fumosa che avvolge ogni cosa. Così la notte nordica si illumina all'improvviso. Ogni apparizione…

Vallese, gourmet ad alta quota

Vallese, gourmet ad alta quota

Testo di Sonia AnselmoMARTIGNY - Formaggi, albicocche, vini e liquori. Quest'angolo di Svizzera così fertile è il paradiso dei buongustai ad alta quota. Non solo Cervino, giacchiai e terme. Il Vallese è tutto da…

Il gioioso Natale di Monaco

Il gioioso Natale di Monaco

Testo di Sonia AnselmoMONACO - San Nicola si aggira tra la folla dello shopping nella pedonale Kaufingerstrasse. Si fa largo trascinando una slitta carica di mele e altri frutti, ogni tanto si ferma per…

Una giornata su La Via Lattea

Una giornata su La Via Lattea

Testo e foto di Luca Trambusti COMO- Si è conclusa con un grande successo l'undicesima edizione de “La Via Lattea” (http://www.lavialattea11.ch/ ), manifestazione che solitamente si svolge sul territorio svizzero (Canton…

Natale di tradizioni in Baviera

Natale di tradizioni in Baviera

Testo di Sonia AnselmoKEMPTEN - La neve non è ancora arrivata in Baviera. Giù nelle valli, la nebbia sembra avvolgere ogni cosa, mentre i cavalli tirano la carrozza nei boschi intorno a Bad Hindelang,…

Copenhagen in festa per Capodanno

Copenhagen in festa per Capodanno

Testo di Iride Conti COPENHAGEN - Veglioni classici, feste ed eventi fantastici. Copenhagen si accende di mille luci per il Capodanno, tra divertimento e tradizioni. Per la notte di San Silvestro la capitale danese ha in serbo…

Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2011 JoomlaWorks Ltd.
Stampa
Ott
13

Atacama, il deserto delle meraviglie

atacamaaperturaTesto e foto di Sonia Anselmo

SAN PEDRO DE ATACAMA - Il fenicottero incede maestoso, specchiandosi nelle limpide acque, insieme alle rocce rosate e ai cumuli bianchi di sale solidificato. Sembra uno strano effetto ottico, dove tutto è doppio, immerso in un'aria cristallina che rende i colori così nitidi e staccati da dare l'impressione che sia una nuova tecnica di pittura. La Laguna Chaxa è un luogo insolito e unico, un paradiso inserito quasi a sorpresa in un paesaggio dai mille aspetti, apparentemente uniforme e sobrio. Nel centro del Salar de Atacama, la grande depressione salata nel nord del Cile, quasi al confine con la Bolivia, la laguna è uno dei tanti ecosistemi locali ed offre riparo a migliaia di uccelli, in particolare fenicotteri, che qui vivono e si riproducono, tanto da chiamare il luogo Reserva National Los Flamencos. Divisa in sette settori, la riserva naturalistica occupa un'area di quasi 80 mila ettari, per ammirare al meglio ci sono percorsi segnalati da cui non si può uscire per mantenere intatto l'ambiente: come nella Laguna Chaxa, dove l'emozione di vedere da vicino mangiare, passeggiare nell'acqua, rincorrersi e volare centinaia di splendidi fenicotteri, così come scovare tra le rocce salate piccole lucertole e salamandre, è impagabile.

Stampa
Lug
31

Leoni marini e granchi a San Francisco

fishermanaperturaTesto di Gioia Stella Mesano

SAN FRANCISCO - Il rumore è quasi assordante, sembra un tuono prorogato nell'etere, un rimbonbo animalesco. Ci si guarda intorno alla ricerca di dove possa provenire, niente. Basta un attimo, guardando giù, oltre le palafitte che tengono su il molo, alle rocce lì posate, alle banchine ed ecco scoperta l'origine: moltissimi leoni marini di ogni taglia, chi dorme, chi gioca, chi attraversa impavido il molo, chi è steso al sole, chi litiga con i vicini per il posto migliore, chi si tuffa nell'acqua.
Sono uno spettacolo unico e ormai la loro presenza consolidata ha reso il Fisherman's Wharf una delle mete turistiche più amate di San Francisco. I leoni marini sono un simbolo, quasi come il granchio gigante che si vende nelle bancarelle o i gabbiani formato gigante che volteggiano sopra le teste dei visitatori, di questo angolo della metropoli della California.

Stampa
Mag
29

Natal, tra mare e calcio

natalaperturaTesto di Angela Rubino

NATAL - Le palme si agitano al soffio della brezza marina, le alte dune fanno da scenografia alle baie incontaminate,  gli ombrelloni in fila sono affollati così come i tanti chioschetti di frutta e cibo lungo la spiaggia. Si fa vita di mare a Natal, paradiso brasiliano sulla linea dell'equatore. Non per niente è chiamata la "città del sole", perchè qui splende per oltre 300 giorni l'anno, donandole temperature calde, ma mitigate dai venti dell'oceano, anche durante l'inverno australe. Questo tranquillo angolo del Brasile del nord, famoso proprio come meta turistica, si ritroverà al centro dell'attenzione per i Mondiali di Calcio: la nazionale italiana giocherà qui l'ultima partita del gruppo D, sfidando l'Uruguay. Sicuramente gli Azzurri e i tifosi al seguito, così come quelli che si godranno la competizione dalle tv in giro per il mondo, rimarranno meravigliati dalla bellezza di questo paradiso esotico.