Si accendono le luci su Mons

Si accendono le luci su Mons

Testo di Angela RubinoMONS - La scimmietta di ghisa che sorveglia l'Hotel de Ville sembra attendere i milioni di visitatori che arriverranno qui durante quest'anno particolare. Secondo un'antica leggenda, bisogna accarezzare il capo con…

Alla corte del Signore di Sipan

Alla corte del Signore di Sipan

Testo di Iride ContiSIPÀN - L'oro è quasi accecante per la brillantezza e la quantità. L'argento inserisce rifiniture e piccoli dettagli. I turchesi danno un tocco di colore. Pietre dure e minerali preziosi in…

Vienna a suon di musica

Vienna a suon di musica

Testo di Sonia AnselmoVIENNA - L'atmosfera mittleuropea si respira subito, appena arrivati, insieme ad una musica di sottofondo, il valzer di Strauss. Vienna è una città suggestiva, elegante e regale, quasi ci fossero i…

Varese, tra lago e cinema

Varese, tra lago e cinema

Testo e foto di Maurizio BarbatoVARESE - Esiste un percorso ideale che si snoda attraverso la provincia di Varese, partendo dal capoluogo e sino ad arrivare al lago Maggiore. Se Gavirate, Gemonio e Laveno,…

Pilsen brinda alla cultura

Pilsen brinda alla cultura

Testo di Angela Rubino PILSEN - Non solo birra. D'ora in poi per visitare Pilsen ci sarà un altro motivo, oltre alla bionda spumeggiante. Per i2015 è stata eletta Capitale Europea della Cultura, insieme…

La birra e Monaco, un matrimonio d'amore

La birra e Monaco, un matrimonio d'amore

Testo di Sonia AnselmoMONACO - Un binomio indissolubile, un matrimonio di gusti, cultura e tradizione: Monaco e la sua birra. Un'accoppiata vincente che porta innumerevoli visitatori e golosi nella città bavarese alla scoperta della bevanda e…

Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2011 JoomlaWorks Ltd.
Stampa
Gen
22

Alla corte del Signore di Sipan

sipanaperturaTesto di Iride Conti

SIPÀN - L'oro è quasi accecante per la brillantezza e la quantità. L'argento inserisce rifiniture e piccoli dettagli. I turchesi danno un tocco di colore. Pietre dure e minerali preziosi in oggetti che sembrano usciti dalla fantasia di un gioielliere contemporaneo. E invece il creativo che li ha prodotti è morto migliaia di anni fa. Fanno parte del  tesoro del Signore di Sipán, uno dei governanti Moche più potenti del Perù antico. Furono scoperti dall'archeologo Walter Alva nel 1987: recentemente lo studioso ha fatto un breve tour in Italia di conferenze e convegni per illustrare i nuovi ritrovamenti e per far conoscere meglio la zona, la Ruta Moche. Perchè il Perù non è solo Machu Picchu o Cuzco. C'è tutto il Nord che
è un rincorrersi di siti archeologici e bellezze naturali: si sta espandendo con strutture adeguate a ricevere turisti, appassionati e curiosi, anche con due musei moderni che espongono le meraviglie trovate nella tomba del Signore di Sipàn.

Stampa
Ott
13

Atacama, il deserto delle meraviglie

atacamaaperturaTesto e foto di Sonia Anselmo

SAN PEDRO DE ATACAMA - Il fenicottero incede maestoso, specchiandosi nelle limpide acque, insieme alle rocce rosate e ai cumuli bianchi di sale solidificato. Sembra uno strano effetto ottico, dove tutto è doppio, immerso in un'aria cristallina che rende i colori così nitidi e staccati da dare l'impressione che sia una nuova tecnica di pittura. La Laguna Chaxa è un luogo insolito e unico, un paradiso inserito quasi a sorpresa in un paesaggio dai mille aspetti, apparentemente uniforme e sobrio. Nel centro del Salar de Atacama, la grande depressione salata nel nord del Cile, quasi al confine con la Bolivia, la laguna è uno dei tanti ecosistemi locali ed offre riparo a migliaia di uccelli, in particolare fenicotteri, che qui vivono e si riproducono, tanto da chiamare il luogo Reserva National Los Flamencos. Divisa in sette settori, la riserva naturalistica occupa un'area di quasi 80 mila ettari, per ammirare al meglio ci sono percorsi segnalati da cui non si può uscire per mantenere intatto l'ambiente: come nella Laguna Chaxa, dove l'emozione di vedere da vicino mangiare, passeggiare nell'acqua, rincorrersi e volare centinaia di splendidi fenicotteri, così come scovare tra le rocce salate piccole lucertole e salamandre, è impagabile.

Stampa
Lug
31

Leoni marini e granchi a San Francisco

fishermanaperturaTesto di Gioia Stella Mesano

SAN FRANCISCO - Il rumore è quasi assordante, sembra un tuono prorogato nell'etere, un rimbonbo animalesco. Ci si guarda intorno alla ricerca di dove possa provenire, niente. Basta un attimo, guardando giù, oltre le palafitte che tengono su il molo, alle rocce lì posate, alle banchine ed ecco scoperta l'origine: moltissimi leoni marini di ogni taglia, chi dorme, chi gioca, chi attraversa impavido il molo, chi è steso al sole, chi litiga con i vicini per il posto migliore, chi si tuffa nell'acqua.
Sono uno spettacolo unico e ormai la loro presenza consolidata ha reso il Fisherman's Wharf una delle mete turistiche più amate di San Francisco. I leoni marini sono un simbolo, quasi come il granchio gigante che si vende nelle bancarelle o i gabbiani formato gigante che volteggiano sopra le teste dei visitatori, di questo angolo della metropoli della California.