La terra che non c'era di Husum e dintorni

La terra che non c'era di Husum e dintorni

Testo e foto di Maria Luisa Bruschetini HUSUM - Scoprire il Mare del Nord e le sue terre transitorie di vento, mare e ingegno umano. Il vento che muoveva le pale dei mulini che…

Bremerhaven, città d'oltre mare e di oltre terra

Bremerhaven, città d'oltre mare e di oltre terra

Testo di Maria Luisa Bruschetini BREMERHAVEN - Bremerhaven potrebbe essere Despina di Italo Calvino, che un luogo per salpare e una sella che proseguire verso la terra. Chi arriva dalla terra “sa che…

Liverpool consacrata ai Beatles

Liverpool consacrata ai Beatles

Testo e foto di Claudia Di MeoLIVERPOOL - Situata nella Metropolitan County dell’Inghilterra. Chiusa nell’estuario della Mersey. Sfiorata dal Mare d’Irlanda e con un occhio rivolto al confine con il Galles. Per molti, anzi…

Amburgo, dove la bussola balla

Amburgo, dove la bussola balla

Testo e foto di Maria Luisa BruschetiniAMBURGO - Amburgo, città di porto fluviale da dove partono navi per le rotte oceaniche, l’Elba non è esattamente un torrente, è un mare di storie. Questa…

Conquistatori, santi e artisti a Spoleto

Conquistatori, santi e artisti a Spoleto

Testo e foto di Sonia AnselmoSPOLETO - Storia, cultura, architettura, gastronomia. I tanti aspetti di Spoleto, nel cuore dell'Umbria, antica e suggestiva, legata alla memoria collettiva per molti eventi, dalle rassegne d'arte varia,…

Saint Maurice e il tesoro millenario

Saint Maurice e il tesoro millenario

Testo di Gioia Stella MesanoSAINT MAURICE - Oro, argento, rubini e altre pietre brillano dai manufatti antichi. Piccoli e grandi capolavori dall'arte orafa, preziosi testimoni della Storia che hanno attraversato i secoli da osservatori…

Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2011 JoomlaWorks Ltd.
Stampa
Dic
16

Casette di paglia a Shirakawa

shiwanaTesto e foto di Sonia Anselmo  

SHIRAKAWA
- La neve sfiora i tetti e rende tutto ovattato. Anche se non ce ne sarebbe bisogno. Il villaggio di Shirakawa-go, nella valle di Shokawa, una regione montana tra Kanazawa e Takayama, nel Giappone centrale, è già un mondo a se stante, immerso come è in un tempo lontanissimo e nel silenzio. Le casette con il tetto di paglia, i mulini e i  sentieri sembrano arrivare direttamente da un'altra epoca. Così remota, la regione era un rifugio ideale per i perseguitati che qui allevavano bachi da seta. Oggi il villaggio è patrimonio dell'Unesco ed è diviso in tre parti: il vasto Ogimachi con museo all'aperto e ristorante, Suganuma con nove case e tanti negozietti di specialità, e Ainokura, che sorge sul pendio della collina. Le casette sono visitabili: vengono chiamate gassho-zukuri, ne sono rimaste 150 originali e alcune sono ancora abitate. Prendono il nome dalla forma del tetto di paglia: gassho significa, infatti, mani giunte. Con un clima inclemente come questo dei monti, è necessario un tetto spiovente e resistente per sostenere il peso della neve e far scivolare la pioggia, senza far marcire la paglia.

Le gassho sono costruite proprio con questi obiettivi grazie a una serie di strutture triangolari montate sulla base rettangolare. La curiosità è che il robusto tetto, costruito con miscanthus, un tipo di erba resistente, e con  una pendenza di circa 60 gradi, è fatto senza usare nemmeno un chiodo. A tenere le travi e i sostegni insieme sono solo corde e cavicchi di legno. Normalmente sono composte di due o tre piani e al pianterreno il posto d'onore è quello del focolare, tipico delle case rurali giapponesi. Era usato per riscaldare, cucinare e asciugare. Nel villaggio, le casette hanno dimensioni diverse, a seconda di quante famiglie ospitavano, persino una trentina insieme. Tutti qui erano impegnati nell'allevamento dei bachi da seta, che venivano tenuti ai piani superiori, dove era possibile variare la dose di luce, calore e aria a seconda delle varie fasi. Le finestre sono realizzate in modo simmetrico e allineate secondo la direzione del vento, che soffia sempre da nord a sud. Durante la primavera, viene rifatto il tetto delle case che hanno bisogno: ci si impiegano due giorni e sono necessari 200 lavoratori. Tra una costruzione e l'altra sentieri con la neve sui bordi, alberi con sostegni, un ruscello, ponti,  mulini ad acqua e stalle per gli animali. Oggi anche molti negozi che vendono prodotti  di artigianato locale il ristorante che offre ai visitatori una specialità da non perdere: manzo e verdure cotte in foglie di magnolia. Una leccornia che sembra arrivare da un menù antico, proprio come le gassho-zukuri.


compass1ok Clicca qui per vedere la mappa su Google

mondo Articoli correlati
Il sacro Fuji tra le nuvole e la neve
Info utili sul Giappone