Scale d'oro e spiagge rosa nell'ovest di Creta

Scale d'oro e spiagge rosa nell'ovest di Creta

Testo e foto di Sonia Anselmo CHANIA - La scala sembra finire direttamente in cielo e quasi quasi ci si aspetta di sentire "Stairway to Heaven" dei Led Zeppelin  in sottofondo. Chissà se…

Amboise, sotto il segno della Storia

Amboise, sotto il segno della Storia

Testo di Sonia Anselmo AMBOISE - Le bandiere sventolano leggiadre nel cielo d'un azzurro cupo. Racchiudono in loro la storia di Francia, proprio come il castello a cui fanno da sentinelle. Amboise ha visto nelle sue…

Panorami irlandesi da Trono di Spade

Panorami irlandesi da Trono di Spade

Testo di Sonia Anselmo GLENARM - Il porticciolo incornicia il piccolo villaggio. La spiaggia di sabbia bianca lambita dalle morbide onde è il parco giochi di cani e bambini. Qualche uccello marino lancia il suo richiamo…

A casa di Leonardo a Clos Lucé

A casa di Leonardo a Clos Lucé

Testo e foto di Sonia Anselmo AMBOISE - La Vergine delle Rocce sembra giocare a nascondino tra le ombre del giardino. Appesa ad un ramo di un poderoso albero, la riproduzione del capolavoro si…

La Darsena e la Nuova Milano

La Darsena e la Nuova Milano

Testo e foto di Luca Trambusti MILANO - Expo 2015 ha contribuito a modificare il volto di Milano sede dell'esposizione mondiale. È' cambiata la skyline ma anche altri angoli della città sono stati interessati da…

Loira: vini, formaggi e castelli

Loira: vini, formaggi e castelli

Testo di Sonia AnselmoTOURS - Appagamento e abbandono al piacere: sembrano le parole d'ordine per la Valle della Loira. Non solo in senso visivo con la campi fioriti del giallo della colza, il verde…

Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2011 JoomlaWorks Ltd.
Stampa
Mag
28

Rethimnon e dintorni, dove crebbe Zeus

rethymnoaperturaTesto e foto di Sonia Anselmo

RETHYMNON - I gatti dormono beati nella frescura del porticato, sembrano fare da guardiani al monastero di Arkadi. C'è un'aria di assoluta rilassatezza e spiritualità in questo angolo tra le montagne dell'ovest di Creta, nella regione di Rethymnon. La chiesa dall'imponente facciata è il cuore della sacra struttura, conosciuta e venerata in tutta la Grecia: dedicata alla Trasfigurazione e a Sant'Elena e Costantino, è stata costruita nel 1587 e ha sostituito quella originale del XIII secolo, quando il monastero fu fondato da un monaco di nome Arkadios. Tutto intorno al cortile pieno di rose in fiore ogni cosa ricorda la tragedia di Arkadi, che cambiò la storia della Grecia e il destino dell'isola di Creta. Nel novembre 1866 i turchi soffocarono nel sangue una rivolta cretese, al punto che quell'episodio viene chiamato Olocausto: 943 greci, in maggioranza donne e bambini, si rifugiarono nel monastero e dopo tre giorni di battaglia fecero esplodere barili di polvere da sparo scegliendo di sacrificarsi piuttosto che arrendersi.

Stampa
Mag
25

La Svizzera al meglio con il Grand Tour

toursvizzeraapertura1Testo di Gioia Stella Mesano

LUCERNA- Laghi, vette, sentieri, luoghi culturali, città e villaggi: tutto il meglio della Svizzera in un unico itinerario. Il Grand Tour of Switzerland è il nuovo percorso per scoprire mille e seicento chilometri di bellezze naturali e artistiche: 44 attrazioni, 22 laghi, 11 siti Unesco, 5 passi alpini che superano i duemila metri, due biosfere e moltissimi sorprendenti escursioni. Una sorta di "Route 66" del Paese elvetico che si può fare in auto, in bici e in treno, per intero o per alcune tappe, in una settimana o quanto si vuole, con strutture consigliate e segnalatica speciale su strada o con le mappe interattive e app  da scaricare sul sito Svizzera.it/grandtour. Esistono tre percorsi indroduttivi, tutti in partenza dalle località di frontiera come Basilea, Ginevra e Chiasso: non solo punti di accesso ma già itinerari per conoscere alcuni luoghi di richiamo.

Stampa
Mag
21

Belfast, città di emozioni

belfastaperturaTesto di Sonia Anselmo

BELFAST - L'emozione scorre come un brivido nella stanza completamente buia rischiarata solo dalle parole tradotte dal codice Morse. O nell'osservare i visi e la vita di chi in quei drammatici eventi non ce l'ha fatta: signore di altri tempi, con i cappellini e il vestito lungo, uomini in marsina, capitani coraggiosi, orchestrali in frac, ragazzi di belle speranze alla ricerca di un posto al sole e di un'opportunità in un altro mondo. Oppure si fa divertente nel girare come in una montagna russa sui piccoli gusci tecnologici che portano nelle viscere della nave, nelle fornaci dove i giovani operai lavoravano interminabili ore per riuscire a costruire il transatlantico più grande del mondo. O ancora, l'emozione cresce a dismisura nelle profondità marine, in bilico tra sorpresa e dolore, con il filmato che riprende il relitto a 4000 metri sotto l'acqua dell'Atlantico, spezzato in due tronconi, decorato da alghe e pesci come silenziosi presenze su un enorme cimitero. Non è facile non commuoversi nel museo dedicato al Titanic a Belfast.