Si accendono le luci su Mons

Si accendono le luci su Mons

Testo di Angela RubinoMONS - La scimmietta di ghisa che sorveglia l'Hotel de Ville sembra attendere i milioni di visitatori che arriverranno qui durante quest'anno particolare. Secondo un'antica leggenda, bisogna accarezzare il capo con…

Alla corte del Signore di Sipan

Alla corte del Signore di Sipan

Testo di Iride ContiSIPÀN - L'oro è quasi accecante per la brillantezza e la quantità. L'argento inserisce rifiniture e piccoli dettagli. I turchesi danno un tocco di colore. Pietre dure e minerali preziosi in…

Vienna a suon di musica

Vienna a suon di musica

Testo di Sonia AnselmoVIENNA - L'atmosfera mittleuropea si respira subito, appena arrivati, insieme ad una musica di sottofondo, il valzer di Strauss. Vienna è una città suggestiva, elegante e regale, quasi ci fossero i…

Varese, tra lago e cinema

Varese, tra lago e cinema

Testo e foto di Maurizio BarbatoVARESE - Esiste un percorso ideale che si snoda attraverso la provincia di Varese, partendo dal capoluogo e sino ad arrivare al lago Maggiore. Se Gavirate, Gemonio e Laveno,…

Pilsen brinda alla cultura

Pilsen brinda alla cultura

Testo di Angela Rubino PILSEN - Non solo birra. D'ora in poi per visitare Pilsen ci sarà un altro motivo, oltre alla bionda spumeggiante. Per i2015 è stata eletta Capitale Europea della Cultura, insieme…

La birra e Monaco, un matrimonio d'amore

La birra e Monaco, un matrimonio d'amore

Testo di Sonia AnselmoMONACO - Un binomio indissolubile, un matrimonio di gusti, cultura e tradizione: Monaco e la sua birra. Un'accoppiata vincente che porta innumerevoli visitatori e golosi nella città bavarese alla scoperta della bevanda e…

Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2011 JoomlaWorks Ltd.
Stampa
Gen
19

Varese, tra lago e cinema

vareseapertura1Testo e foto di Maurizio Barbato

VARESE - Esiste un percorso ideale che si snoda attraverso la provincia di Varese, partendo dal capoluogo e sino ad arrivare al lago Maggiore. Se Gavirate, Gemonio e Laveno, per citarne alcuni, sono le perle,  la provincia che dà nome all’omonimo lago è la collana che impreziosisce la regione lombarda, con i suoi giardini,  le ville e la vista sul maestoso monte Campo dei Fiori. Varese, ottavo comune della regione per popolazione, merita il caratteristico appellativo di Città Giardino dai numerosi parchi e giardini che si trovano nell'ambito del comune, in gran parte ville edificate tra il XVIII e l'inizio del XX secolo, prima da famiglie di nobili e più recentemente da industriali e rappresentanti dell'alta borghesia, originari soprattutto del capoluogo lombardo.
La città di Varese si trova in una posizione caratteristica, ai piedi del Sacro Monte, che fa parte dell’imponente Campo dei Fiori ed è  anche sede di un osservatorio astronomico. A segnare il margine più basso della città l’omonimo lago.

Stampa
Dic
22

Degustando i Castelli del Ducato di Parma

castelliparmaaperturaTesto e foto di Maria Luisa Bruschetini

SALA BAGANZA - Dall’Appennino tosco-emiliano sulla terra si stende reticolato di strade storie che si incrociano  per formare castelli e corti, come intarsi pregiati che arricchiscono il territorio in cui “saperi” e sapori si fondono con tradizione e innovazione. Terre di vicende umane, storie locali che si intersecano con i grandi  appuntamenti dei secoli. L’antico ducato di Parma e Piacenza, incastrato tra l’Appennino, il Po e la Romagna, ha intrecciato le sue vicende locali con quella della Storia. Conti, marchesi, aristocrazia di antico lignaggio o di ingegno inseguendo sogni di avidità e potere hanno creato un arabesco di monumenti sul territorio che oggi  fa parte della regione Emilia Romagna. I castelli erano centri di attività economici e scambio di conoscenze o forse sarà la buona terra o in tempi più recenti persone di talento e volontà, quale siano le ragioni, la provincia di Parma è la Food Valley,  cioè il polo agro-alimenatare d’Italia. Due nomi? Prosciutto e Parmigiano. E poi aggiungiamo l’industria di trasformazione come pomodoro, pasta e latte, il menù del comparto è completo.

Stampa
Nov
27

Siena e le sue Terre d'inverno

sienachiantiaperturaTesto di Maria Luisa Bruschetini

SIENA - Motivi per vivere un fine settimana in terra di Siena ci sono comunque, la sua bellezza e quella dei paesaggi di cui è attorniata la rendono affascinante in ogni stagione; se oltre a questo si aggiunge un’occasione da buongustai golosi e appassionati di mercatini natalizi l’attrazione è irreversibile. Sabato 6 e Domenica 7 a Siena tornerà “il Mercato in Campo” un “mercatino di Natale” ad alta  tensione qualitativa, non fosse altro per la sua collocazione cioè nella Piazza del Campo di Siena, quella piazza-conchiglia di mattoni dove si corre il palio. Scenografia suggestiva per i banchi, costruiti ispirandosi a quelli del passato, disposti in base a quanto riportato in alcuni documenti medievali. La piazza  accoglierà anche un museo dell’arte contadina a cielo aperto, che permetterà attraverso l’attività dei laboratorio, di sperimentare la conoscenza delle nostre radici.  Alla suggestione storica culturale si coniuga quella olfattiva sensoriale dei prodotti tipici della zona, delle leccornie italiane ed europee. Per questa edizione il tema si collega a quello dell’Expo 2015 "Feed the planet/Nutrire il pianeta, energia alla vita".