Vino, cibo e sci  in Alta Badia

Vino, cibo e sci in Alta Badia

Testo di Angela Rubino CORVARA - In alto i calici sulla neve. Sci ed enogastronomia. Un matrimonio alquanto particolare, ma che si incastra perfettamente tra le tante offerte dalla Alta Badia. Soprattutto le ultime sciate della…

Thailandia, terra della frutta

Thailandia, terra della frutta

Testo e foto di Sonia Anselmo BANGKOK - È la terra del sorriso e dell'accoglienza. Tante bellezze fanno innamorare subito della Thailandia: la natura, i templi antichi, i ritmi vertiginosi di Bangkok, l'atmosfera mistica di Chiang…

Cioccolato e profumo a Colonia

Cioccolato e profumo a Colonia

Testo di Sonia Anselmo COLONIA - L'antro delle meraviglie dei golosi si apre su un paradiso di ghiottonerie. Sembra di essere catapultati in una favola o nella Fabbrica del Cioccolato. Tutto parla del nettare degli Dei,…

Irlanda del Nord gourmet per un anno

Irlanda del Nord gourmet per un anno

Testo di Sonia AnselmoBELFAST - L'isola di smeraldo, i pascoli verdissimi con miliaia di pecore, i folletti, la tradizione, i grandi artisti e scrittori, il cielo mutevole, le scogliere, la musica e ovviamente la birra. Quando…

A piedi sulla Romea

A piedi sulla Romea

Testo di Maria Luisa Bruschetini ROMA - Il Ministero della Cultura e Turismo ha dichiarato il 2016 “l'anno dei cammini” che unito al Giubileo della Misericordia  riporta l’attenzione a questo mondo di raggiungere Roma. Ai…

Effetti speciali e fantasia a Praga

Effetti speciali e fantasia a Praga

Testo e foto di Sonia Anselmo PRAGA - Dinosauri, stravaganti creature marine, marziani, macchine volanti. La fantasia sembra essere il comune denominatore di un curioso museo di Praga, il Museum of Karel Zeman. Il regista ceco,…

Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2011 JoomlaWorks Ltd.
Stampa
Ott
12

Andar per musei a Tahiti

tahitimuseiaperturaTesto di Gioia Stella Mesano

PAPE'ETE - Il mare ha le mille sfumature del turchese, sembra un dipinto. Ma anche il resto della vegetazione, i grandi fiori colorati, i vulcani, gli atolli, le creature sottomarine, tutto appare l'opera di un pittore estremamente bravo e lascia esterefatto in Polinesia, dove i sogni e il paradiso possono diventare  realtà. Non è un caso che molti artisti si siano ispirati alla bellezza della natura e del luogo. Così un'attività sicuramente curiosa da fare a Tahiti è andare per musei. Già, proprio la cultura e la storia che si mettono in mostra nell'isola delle meraviglie. Un modo inconsueto per arricchirsi ancora di più l'anima nel viaggio nell'arcipelago dell'oceano Pacifico. Di sicuro il primo nome che si associa alla Polinesia è quello Paul Gauguin. Il pittore francese arrivò a Tahiti, per la prima volta nel 1891 per cercare, attraverso il contatto con la natura, la semplicità dell'arte e anche una sorta di pace interiore.

Stampa
Mar
16

Coober Pedy, cent'anni in sotterranea

cooberpedyaperturaTesto di Angela Rubino

COOBER PEDY - Cento anni e non li dimostra. Perduta nel deserto, capitale mondiale degli opali, l'eccentrica città mineraria del South Austrialia ha appena iniziato a festeggiare il centenario. Coober Pedy, terra rossa e stravaganti confort, è anche una delle dieci destinazioni da visitare assolutamente nel 2015, secondo la CNN. Non solo per l'anniversario della sua fondazione, ma anche per questo modello alquanto insolito di cittadina. A 846 chilometri a nord di Adelaide, in piena Stuart Highway, l'autostrada che taglia in due, fino al nord di Darwin, l'Australia, Coober Pedy ha più di settanta miniere che producono gli opali di maggiore qualità al mondo.

Stampa
Mar
20

C'è del gourmet in Polinesia

cucinapertura1Testo di Luca Trambusti

PAPEETE - Tra i tanti motivi per cui può attrarre Tahiti sicuramente la cucina non è il più affascinante e nemmeno il principale. Ed è un errore. In questo angolo  di terra, in questo paradiso terrestre anche i sapori sono fascinosi e stupefacenti come le spiagge, il mare e l'incontaminata natura. Diciamo che il cibo aggiunge un ulteriore nota alla bellezza dei luoghi. La cucina locale si basa su parecchie contaminazioni. Ci sono sapori e cibi d'estrazione europea,  figli della cultura francese che per lungo periodo ha dominato la zona. Ma le influenze arrivano anche dalla “vicina” Cina. Il tutto poi s'innesta sul ceppo culinario polinesiano, da cui provengono le materie prime e mezzi di cottura. Tra le più comuni materie prime locali ci sono i leggendari uru (frutti dell'albero del pane), le varietà di banane come il fei (banana selvatica), l’umara (patata dolce) e i diversi tuberi (taro, tarua e ufi) ed il cocco declinato in molti modi ed in molti piatti.

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare la navigazione del sito e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per informazioni sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, leggi la nostra politica sulla privacy.

Se continui la tua navigazione di questo sito, significa che stai accettando i cookies in esso contenuti.

Info